SEREMI

IST

La Regione Piemonte è impegnata nella lotta alla diffusione delle infezioni sessualmente trasmesse e dell’HIV/AIDS attraverso l’attuazione di azioni mirate. Con la DGR n. 40-1754 del 18 dicembre 2000 è stato approvato il “Protocollo per la sorveglianza e il controllo delle MST in Piemonte” che ha definito i requisiti per l’accreditamento dei Centri MST, gli standard organizzativi e diagnostici e i flussi informativi per la sorveglianza epidemiologica al fine di assicurare prestazioni omogenee sul territorio regionale. Con lo stesso provvedimento, inoltre, è stato stabilito un protocollo diagnostico da offrire gratuitamente ai soggetti a rischio di IST afferenti ai centri accreditati.

Dal 2000 ad oggi, in Piemonte, sono stati attivati e accreditati 9 Centri MST per la prevenzione, il controllo e la cura delle infezioni sessualmente trasmesse: 3 Centri a Torino e 6 nel resto della regione: Asti, Biella, Cuneo, Novara, Verbania e Vercelli.

I Centri MST garantiscono modalità di offerta e fruizione delle prestazioni di prevenzione, diagnosi e cura delle IST tali da facilitare l’accesso e la diagnosi tempestiva di queste infezioni alle persone più a rischio.

Oltre a occuparsi di diagnosi e cura delle IST questi servizi sono coinvolti, a livello regionale, in attività di ricerca scientifica su specifiche patologie e partecipano a progetti regionali di educazione sanitaria e informazione.

Presso i Centri MST Piemonte inoltre, viene effettuata la raccolta di dati, relativi alle diagnosi effettuate e alle caratteristiche dei casi, che alimenta il Sistema di sorveglianza speciale delle IST del Piemonte.

A livello regionale il SEREMI dell’ASL AL svolge attività di coordinamento della rete, monitora l’attuazione del protocollo regionale MST e gestisce il Sistema di sorveglianza delle MST del Piemonte occupandosi dell’elaborazione, analisi e divulgazione dei dati.