SEREMI

IST

Le infezioni da agenti patogeni a trasmissione sessuale impongono un rilevante carico di morbosità e mortalità sia nei paesi ricchi che nei paesi emergenti. Questo direttamente attraverso il loro impatto sulla qualità della vita delle persone, sulla salute riproduttiva e sulla salute dei bambini e indirettamente attraverso il loro ruolo nel facilitare la trasmissione sessuale dell'HIV.

Le IST sono, a livello mondiale, una delle principali cause di malattia acuta, infertilità, disabilità a lungo termine e anche morte, con gravi conseguenze sulla salute fisica e psicologica di milioni di uomini, donne e bambini. Esse giocano un ruolo rilevante in termini di perdita economica e di produttività per gli individui e le nazioni nel loro complesso. I costi associati alla loro cura comprendono costi diretti, medici e non medici, e indiretti legati alla durata della malattia con conseguenti assenze e perdite produttive.

Il peso complessivo delle infezioni sessualmente trasmesse è tale da far rientrare la loro prevenzione e controllo a pieno titolo tra i problemi di sanità pubblica su cui è fondamentale intervenire.

Nel 2016, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) rilancia la programmazione della lotta alla diffusione delle IST approvando il documento Global health sector strategy on Sexually Transmitted Infections 2016-2021, adottato dall'Assemblea Mondiale della Sanità nel 2016. Il Piano, in specifico, identifica 5 direzioni strategiche verso le quali spinge i Paesi a impegnarsi:

  • rafforzare i sistemi di sorveglianza, in particolare il monitoraggio dei microrganismi multi-resistenti, in particolare per la Neisseria gonorrhoeae;
  • promuovere interventi efficaci di prevenzione delle IST, in specifico per popolazioni a più alto rischio;
  • aumentare l’accesso ai servizi dedicati alle IST e integrare la prevenzione e la gestione delle IST nei programmi rivolti all’HIV e alla salute sessuale e riproduttiva;
  • potenziare i finanziamenti per i servizi e la qualità dei professionisti dedicati;
  • sostenere lo sviluppo di nuove tecnologie per la diagnosi delle IST.