SEREMI

Malattie batteriche invasive

Meningococco

  • Nel 2017, in Piemonte sono stati segnalati 14 casi di malattia invasiva da meningococco, corrispondenti a un tasso di incidenza di 0,3 casi per 100.000 abitanti.
  • Tra le malattie invasive da meningococco, le meningiti rappresentano il quadro clinico più segnalato (72%).
  • Dal 2003 al 2017 i casi di malattia invasiva da meningococco C sono 57, 12 (2 nel 2017) in bambini con meno di 5 anni di età. La riduzione dell’incidenza di malattie invasive da meningococco C fra il periodo prevaccinale e quello post risulta statisticamente significativa.
  • Dal 2011, anno successivo a quello di introduzione dell’offerta della vaccinazione antimeningococco C ai nuovi nati non si registrano casi pediatrici dovuti al sierogruppo C tra soggetti vaccinati. Durante lo stesso periodo si sono comunque ammalati, a causa di un sierogruppo diverso dal C, 8 bambini vaccinati di meno di quindici anni di età.
  • Negli anni in osservazione sono stati segnalati 19 decessi. La letalità per malattia invasiva da meningococco risulta del 13% circa, con un numero medio di 2 morti per anno. L’unico decesso del 2017 riguarda un paziente 20enne con diagnosi di sepsi da meningococco di sierogruppo W135.

Pneumococco

  • Nel 2017, i casi di malattia invasiva da pneumococco in Piemonte sono 312, corrispondenti a un tasso di incidenza di 7,1 casi ogni 100.000 abitanti.
  • Dal 2003 al 2016 si osserva un andamento costante dell’incidenza, mentre nel 2017 il tasso risulta nettamente più elevato rispetto a quello medio del periodo (incremento sostanzialmente attribuibile ad un aumento di sensibilità del sistema di sorveglianza).
  • La quota maggiore di segnalazioni di malattia invasiva da pneumococco (59% dei 1.984 casi registrati dal 2008 al 2017) riguarda i piemontesi con più di sessantaquattro anni di età. Nel 2017, le diagnosi in ultrasessantaquattrenni sono 199 (18 casi ogni 100.000 abitanti) mentre quelle in età pediatrica (£14 anni) sono 15 casi (2,7 per ogni 100.000 abitanti).
  • Nel 2017, come rilevato a livello europeo e nazionale, il sierotipo 8 è il più frequente (57 casi), seguono il sierotipo 12F (39 casi) e il sierotipo 3 (33 casi).
  • Dal 2011, anno successivo a quello di introduzione della vaccinazione ai nuovi nati, si osserva una riduzione significativa dei casi sostenuti da sierotipi contenuti nel vaccino, ma non una diminuzione dell’incidenza complessiva delle malattie invasive da pneumococco nella popolazione pediatrica. Tra i casi pediatrici si rilevano 7 fallimenti vaccinali nei 10 anni di sorveglianza.
  • La letalità per malattia invasiva da pneumococco calcolata per il periodo 2008 - 2017 risulta dell’11%. Tra gli ultrasessantaquattrenni la letalità sale al 14% mentre tra i casi pediatrici scende al 2%. I 4 decessi segnalati riguardano bambini non vaccinati.

Emofilo

  • Nel 2017, in Piemonte sono stati segnalati 16 casi di malattia invasiva da emofilo, pari a circa 0,4 casi per 100.000 abitanti. Dal 2003 al 2017 si rileva un andamento pressoché costante dell’incidenza di MIB da emofilo.
  • Nel periodo 2008-2017 il 53% dei casi è concentrato negli ultrasessantaquattrenni mentre solo il 10% riguarda la fascia pediatrica (≤14 anni). Nel 2017, le 16 diagnosi di malattia invasiva da emofilo riguardano solo 1 bambino con età inferiore ai 14 anni (0,2 casi per 100.000 abitanti) mentre le diagnosi in soggetti ultrasessantaquattrenni sono 11 (1 caso per 100.000 abitanti).
  • In Piemonte, la vaccinazione antiemofilo b è offerta ai nuovi nati a partire dal 1999. I casi di malattia invasiva da emofilo b si mantengono rari, 4 negli ultimi 10 anni di sorveglianza (nessun fallimento vaccinale).
  • Su 92 ceppi tipizzati complessivamente negli ultimi dieci anni 76 sono ceppi non capsulati, quindi non prevenibili con vaccino.
  • La letalità per malattia invasiva da emofilo registrata in Piemonte è del 15%, sale al 21% per i pazienti ultrasessantaquattrenni. In dieci anni di sorveglianza si sono registrati 15 decessi su 71 casi.